Qlog è il blog di Andrea Zanchetta
dove si parla di web design, grafica e cultura della progettazione.

Attenzione: si possono trovare tracce di riflessioni estemporanee!
Per maggiori informazioni visita www.mynameisq.com

I

I migliori text editor per il web

– Dove si parla di text editor e sviluppo di siti web –

È sicuramente capitato a chiunque sviluppi siti web di andare alla ricerca di un text editor, ovvero quel tipo di software utilizzato per scrivere il codice di programmazione alla base di ogni sito. Di norma si tratta di programmi che consentono la scrittura del codice senza troppe distrazioni e che lo fanno riconoscendo le sintassi più comuni dei linguaggi di programmazione, spesso aiutando con funzioni di autocompletamento del codice per velocizzare la battitura senza perdere il filo del ragionamento.

Con questa analisi, che tratta i principali prodotti disponibili sul mercato, si vuole far riflettere su alcuni dei text editor più noti, per evidenziarne le caratteristiche essenziali. Si parte con un classicone che non si può non citare e che quasi tutti conoscono, ma che nella realtà dei fatti pochissimi sviluppatori utilizzano e che non potrebbe nemmeno essere classificato come un vero text editor…

Dreamweaver

Distribuito da Adobe e disponibile a 24,39 € mensili (nel momento in cui si scrive), è appunto tra i programmi più noti. Il vantaggio principale risiede nel fatto di disporre anche di un’interfaccia WYSIWYG (What You See Is What You Get), ovvero che permette la stesura di layout grafici senza scrivere una riga di codice. Per contro questo approccio non è usuale nella community degli sviluppatori che preferiscono avere un controllo totale di ciò che sta sotto il cofano e preferiscono scrivere il codice con le proprie mani. Un altro vantaggio è l’integrazione con gli altri software della Creative Suite di Adobe ma anche in questo caso gli sviluppatori si stanno orientando verso strumenti di supporto più specializzati e creati da software house minori (vedi ad esempio: Sketch al posto di Photoshop). Dreamweaver in realtà è adatto più per i principianti che per gli sviluppatori veri e propri.

Piattaforme supportate: OS X e Windows
Altre info:  adobe.com

Brackets

È il software promosso da Adobe (!) e rilasciato sotto licenza MIT: si può scaricare gratuitamente ed è disponibile per tutti i sistemi operativi. Con Brackets è possibile editare in maniera rapida il codice grazie al completamento automatico e alla segnalazione degli errori. Inoltre la natura stessa del software (scritto esso stesso in HTML, CSS e Javascript) fa di Brackets un editor snello e veloce, adatto al web designer a cui piacciono le soluzioni essenziali. La sua interfaccia è completamente dedicata al codice tuttavia la funzionalità di Anteprima Live ci permette di visualizzare in real-time, attraverso Google Chrome, il risultato dei nostri sforzi. Supporta inoltre i pre-processori come LESS e SCSS e quindi velocizza lo sviluppo nel caso si utilizzasse questi framework.

Piattaforme supportate: OS X e Windows
Altre info:  brackets.io

Sublime Text

"The text editor you'll fall in love with", dice la casa produttrice. Una promessa difficile da mantenere ma effettivamente è verificata dall’ampia base utenti di Sublime Text. È uno degli editor più efficaci in circolazione, che accelera il lavoro degli sviluppatori attraverso una grande varietà di “tricks” e scorciatoie, anche grazie all’utilizzo di plugins specifici. Ma soprattutto si presenta come alternativa light rispetto ai propri simili che circolano in rete e permette di gestire file di notevole dimensioni senza crashare. Disponibile gratuitamente per un uso di prova a tempo illimitato, è possibile anche implementare le funzioni attraverso l’acquisto della licenza da 70$.

Piattaforme supportate: OS X e Windows
Altre info:  sublimetext.com

Atom

Atom è un editor di testo sviluppato da GitHub disponibile per Windows, OS X e Linux su licenza MIT. La caratteristica più interessante di questo software – oltre alla possibilità di sviluppare pacchetti utilizzando Node.js – è il suo forte legame con la community di sviluppatori: siccome la maggior parte dei pacchetti che lo compongono fanno uso di licenze open source, gli utenti di possono partecipare attivamente al suo sviluppo, il che permette di avere un programma stabile e sempre aggiornato.

Piattaforme supportate: OS X, Windows e Linux
Altre info:  atom.io

Coda

Coda è un web editor, ma è anche un client FTP, un browser di anteprima, un terminale, una console Javascript e una biblioteca di manuali per sviluppatori. L’interfaccia grafica è molto curata e ben organizzata. Coda fa tutto e lo fa bene. Purtroppo esiste solo per OS X e purtroppo è un editor di lusso: 99$ per la Panic Inc.

Piattaforme supportate: OS X
Altre info:  panic.com/coda/

TextMate

TextMate, considerato tra i migliori software di questo genere prima dell’avvento dei suoi più recenti competitors, è riconosciuto universalmente come snello, completo e sexy. L’editor, creato per Mac OS X da Allan Odgaard di Macromates e rilasciato su licenza GNU General Public License, consente di programmare e creare codice in html, CSS, Javascript, java, C++, PHP, e molti altri linguaggi. Inoltre si possono controllare le pagine create in modalità WYSIWYG con un modulo interno al programma, oltre che nel modo più tradizionale via browser. È un editor che ha fatto la storia ai suoi tempi, ma che continua a rimanere a galla.

Piattaforme supportate: OS X
Altre info:  macromates.com

Codio

La caratteristica principale di Codio è che si tratta di un software web-based, ovvero che si utilizza in rete attraverso il proprio browser. Detto in altri termini, non c’è nessun software da scaricare e installare sul proprio computer. Dall’interfaccia chiara e pulita, Codio è pensato per un pubblico giovane che vuole affacciarsi sul mondo della programmazione. Sono infatti offerti servizi specifici per studenti e scuole, fino ad arrivare allo sviluppo di una community vera e propria in cui è possibile condividere le proprie esperienze. Codio è però anche rivolto ai professionisti e rende disponibile numerose varianti del suo software, da quella gratuita a quella più completa. Si parte da una versione base gratuita, dopo di che si passa agli 8$ mensili per gli studenti e ai 15$ per i professionisti.

Indipendente dal sistema operativo
Altre info:  codio.com

Conclusioni

Allora, tra tutti, qual è il text editor migliore? Purtroppo è una domanda difficile a cui rispondere, se non impossibile, perché la scelta finale dipende dalle esigenze e dalle abitudini lavorative di ciascuno. Quello che può essere perfetto per uno sviluppatore, per qualcun altro magari rappresenta uno strumento troppo scarno o – al contrario – troppo ricco di funzionalità che si usano poco e distraggono dai compiti più frequenti.
Ad ognuno il suo preferito, quindi …e buona programmazione!




Scritto in collaborazione con
Elena Ferreri

libri che un designer non può perdere

Torna all'indice del blog
Licenza Creative Commons

Qlog di Andrea Zanchetta è distribuito con Licenza
Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.